RASSEGNA STAMPA

1 febbraio 2017
  • ”Un disco, Nemesi, che sembra volersi collocare in una dimensione totalmente “altra”, al di là di ogni convenzione o approccio d’ascolto: 1, 10, 100 sassofoni, un’intera orchestra di sax giunge a disorientare l’ascoltatore per condurlo nell’originale, inquietante, misterioso, sorprendente mondo musicale di Alberto La Neve.”
    DISCO “NEMESI” > Fabrizio Basciano – “Il Fatto Quotidiano”
  • “Un disco ottimo per chi ama uscire dalla banalità musicale che ci circonda e impegnarsi a gustare la creatività e l’originalità di questo eccellente artista.”
    DISCO “NEMESI” > “GeroviJazz”
  • ”Non stupitevi quindi se in certi passaggi il sax di La Neve somiglierà a un violino, a un clarinetto, una fisarmonica, un organo o un synth: fa tutto parte della sua arte di sovrapposizioni e scomposizione del suono. In pratica si stanno utilizzando categorie formali e metodi dell’elettronica, della computer music e della composizione classica in un contesto pienamente e consapevolmente analogico e, soprattutto, autonomo, esclusivo.”
    DISCO “NEMESI” > “Music Addiction”
  • ” I sax di La Neve vengono fuori con le loro mille espressioni in brani che nei loro titoli evocano il mondo greco di Omero, Jules Verne, Daniel Pennac…Presentandosi con volti diversi: perfetto solista, quartetto di fiati, piccola orchestra computerizzata, un uomo e il suo strumento in eccellente simbiosi.”
    DISCO “NEMESI” > Sergio Spada – “Jazz Convention”
  • “Quello che il musicista Alberto La Neve immette nel suo nuovo disco Nemesi, è una nutrita e delicata serie di atmosfere che ricoprono un ampio spettro sonoro ed espressivo; da linee minimali a tessiture affollate da impronte di sensibilità vagante, nomade, apolide nei modi, libera nelle meditazioni sospese, franca nella traiettoria multiforme proposta.”
    DISCO “NEMESI” > Max Sannella – “Rock Shock”
  • “Cosa dire, dunque? Si tratta di materiale originale, sperimentale, degno di rispetto e suonato bene”
    DISCO “NEMESI” > Marco Lorenzo Faustini – “Lobeta Blog”
  • “Questo disco rappresenta un sogno, un dialogo polifonico, una sperimentazione potente e ricca di creatività. Un disco da ascoltare per entrare in contatto diretto con la psiche e l’umanità dell’artista stesso, oltre che per godere di un prodotto musicale di livello altissimo.”
    DISCO “NEMESI” > Carlo Romano Grillandini – “Music Reviews Etc”
  • “Un suono che intende descrivere atmosfere mitiche dal Mediterraneo al resto d’Europa.”
    DISCO “NEMESI” > Michele Manzotti – “Il Popolo del Blues”